web analytics
Pubblicità

di Giancarlo Nicoli

Destra e sinistra sono la stessa cosa

Filed Under Beppe Grillo sì e no | Comments Off on Destra e sinistra sono la stessa cosa

Giornali - In prima pagina la caduta di Saddam Hussein L’immagine è una cortesia di givepeasachance.

Già il settimanale L’Uomo Qualunque, nella versione rifondata e diretta da Lucio Lami alla fine degli anni Novanta, sosteneva che l’Italia non era una vera democrazia.

Sono d’accordo con Beppe Grillo, quando sostiene che destra e sinistra non esistono. E’ proprio così.

Le elezioni, in Italia, non servono per risolvere la contrapposizione tra maggioranza e opposizione. Tutti e due gli schieramenti guardano all’Italia come a una grande torta, da fare a fettine e da dividersi. Le elezioni italiane servono ai partiti per decidere come dividersi le fette. Non è in discussione il fatto che ci siano fette da dividere.

Gli italiani, con un referendum, avevano chiesto la formula elettorale del collegio uninominale cosiddetto “all’inglese”, in cui vince, in un turno unico, chi ha la maggioranza relativa dei voti. E’ un sistema che porta alla selezione dei politici migliori.

La volontà degli italiani è stata rispettata per poco tempo. La nuova legge elettorale consegna i parlamentari nelle mani dei partiti. Gli italiani non possono più scegliere. Questa non è una democrazia.

di Giancarlo Nicoli

La congiura del silenzio

Filed Under Beppe Grillo sì e no | Comments Off on La congiura del silenzio

Il regime in cui viviamo è famigerato per la sua capacità di comprare, cooptare, corrompere o annientare (annientare, s’intende, chi non s’è fatto comprare) chi lo minaccia.

Fino ad oggi, per “strozzare nella culla” i mezzi d’informazione critici nei confronti del regime, era sufficiente [Letti tutto…]

di Giancarlo Nicoli

Informazione: giù le mani dei politici!

Filed Under Beppe Grillo sì e no | Comments Off on Informazione: giù le mani dei politici!

Appoggio i tre referendum proposti da Beppe Grillo.

Essi sono:

  1. abolizione dei finanziamenti pubblici all’editoria
  2. abolizione dell’ordine dei giornalisti
  3. abolizione della legge Gasparri

In dettaglio, appoggio il primo referendum perché penso che i finanziamenti pubblici all’editoria siano un sistema che causa concorrenza sleale tra gli editori: quelli che hanno agganci politici e quelli che non ce li hanno; [Leggi tutto →]

%d bloggers like this: