web analytics
Pubblicità

di Giancarlo Nicoli

Se hai l’auto e la Tv, rischio infarto aumenta del 30%:

http://www.quotidianosanita.it/scienza- … lo_id=6935
http://eurheartj.oxfordjournals.org/con … hort?rss=1
(1)
Bene. Ho smesso di pagare il canone e ho intestato l’auto a mia moglie.

(2)
Piersilvio ha messo in vendita Mediaset e ha intestato il parco macchine a papà.

di Giancarlo Nicoli

Un altro “caso isolato” di attacchi di cani a persone. Fonte: Il Tempo di Roma.

27/08/2010, 05:30

Notizie – Molise
Termoli La donna ricoverata all’ospedale San Timoteo per le ferite riportate
Antonella Salvatore

TERMOLI – Si trovava davanti casa quando il dobermann dei vicini l’avrebbe avvicinata ed aggredita. La pensionata per paura che l’animale avvicinasse il nipotino di pochi anni che si trovava a pochi metri di distanza, si è frapposta tra questo ed il cane che le avrebbe strappato parte del vestito, terrorizzandola. L’episodio, accaduto in via Molinello, vicino al parco di Termoli, si è verificato intorno alle 14 di ieri. Sul posto si sono portati gli agenti del Commissariato di Termoli il cui intervento è stato chiesto dai familiari dell’anziana. La pensionata si trovava nel cortile condominiale di una palazzina di pochi piani ed all’improvviso si è visto il dobermann davanti agli occhi. Secondo quanto riferito dalla stessa alla Polizia, il cane si sarebbe avventato rovinandole l’abito e spaventandola a morte. Nella concitazione del momento la sfortunata è caduta rimanendo ferita ad una gamba. L’animale, in ogni caso, non le era estraneo in quanto di proprietà di alcuni vicini di casa con i quali però la ferita non sarebbe in buoni rapporti. Secondo i proprietari del cane, l’animale era in compagnia a quell’ora e stava rientrando in casa quando si è fatto un breve giro del giardinetto condominiale di una manciata di minuti prima di rincasare nell’appartamento. I proprietari negano l’aggressione all’anziana. La pensionata, di tutt’altro avviso, è stata ricoverata al San Timoteo di Termoli, nel reparto di ortopedia per le lesioni riportate a seguito della caduta nel giardino. I medici le hanno riscontrato problemi al femore. Sul caso sono scattate indagini della Polizia di Stato che ieri si è recata in via del Molinello per effettuare una prima ispezione del giardino condominiale teatro del brutto episodio. Gli agenti della Squadra Volante hanno interrogati alcune famiglie che abitano nelle villette adiacenti oltre all’anziana ed ai proprietari del dobermann. Le dichiarazioni raccolte sono discordanti per cui è stata avviata un’inchiesta mirante a chiarire la dinamica dei fatti accaduti. La Polizia si è poi recata in ospedale dove ha acquisito il referto stilato dai medici. I padroni del cane sono decisi nel sostenere la loro tesi ed hanno anche già annunciato un imminente trasferimento in altra zona della città al fine di evitare ulteriori attriti con l’anziana. Insomma una vicenda ancora tutta da chiarire. L’ultima parola spetta agli agenti del Commissariato impegnati in queste ora a definire la vicenda. La ferita, nel frattempo, è in ospedale.

di Giancarlo Nicoli

Mi è capitata oggi sotto gli occhi una notizia di qualche settimana fa.

Tre libretti di deposito e conti correnti intestati alla Banca Commerciale Sammarinese per un totale di 100 milioni di euro. Soldi dell’Enpam, l’ente previdenziale e assistenziale dei medici, un tesoretto scoperto dalla Banca d’Italia in un’ispezione antiriciclaggio alla Cassa di Forlì. I libretti erano stati aperti nel 2005 alla Cassa di risparmio di Forlì, risultava esserne titolare la banca di San Marino.

«Sembra plausibile ipotizzare che – scrive Bankitalia – le disponibilità investite nei libretti di deposito provengano dall’Enpam e che tale modalità operativa possa essere stata utilizzata al fine di evitare il pagamento della ritenuta d’acconto sugli interessi maturati». L’Enpam gestisce 10 miliardi di euro e tra i suoi consiglieri e sindaci ci sono rappresentanti dei ministeri dell’Economia, del Welfare e della Salute. Dal 1993 il presidente è Eolo Parodi che per ora non ha rilasciato commenti sulla vicenda.

Fonte:

  • Corriere della Sera, 7 luglio 2010, pag. 1 e 31

Ora, prendo la notizia con il beneficio dell’innocenza delle persone coinvolte fino a eventuale condanna al terzo grado di giudizio, ovviamente.

Ma: il presidente dell’Enpam, Eolo Parodi, è in carica dal 1993. Diciassette anni di presidenza non sono un po’ troppi? Con tutti i medici che ci sono in Italia, possibile che solo uno sia in grado di presiedere l’Enpam?

di Giancarlo Nicoli

Non solo sono pericolosi i cani, ma ancora di più lo sono i loro padroni!

Fonte: La Provincia di Como

LURATE CACCIVIO (CO) Era al parco Lambro a Milano per un improvvisato party notturno quando, attorno alle due, è stato aggredito a coltellate da uno sconosciuto ed è finito in ospedale. E’ ricoverato in prognosi riservata al San Raffaele un giovane comasco, che ha rischiato di morire per aver pestato la coda a un cane durante una festa al Parco Lambro, all’altezza di via Feltre. Il proprietario dell’animale, un giovane con la testa rasata e alto oltre un metro e ottanta, gli ha sferrato quattro coltellate, ferendolo gravemente, ed è poi fuggito riuscendo a far perdere le sue tracce. Il ragazzo, un 26enne di Lurate Caccivio, è stato trasportato, in condizioni serie, all’ospedale San Raffaele dove i sanitari hanno in ogni caso escluso che, al momento, sia in pericolo di vita. Indagini della polizia.

di Giancarlo Nicoli

Fonte: Ansa.

SANTA VITTORIA D’ALBA (CUNEO)  – Si portava dentro il rimorso per quanto accaduto alla nipotina di 5 anni, che alcune settimane fa era stata azzannata al volto dal suo cane, un rottweiler. E con quel pensiero, lui che colpe non ne aveva, ha deciso di punirsi togliendosi la vita. Così ieri mattina verso le 6.30, Giorgio Alessandria, 73 anni, è salito sul tetto della sua abitazione, in provincia di Cuneo, e si è lanciato nel vuoto. A ritrovare il cadavere, secondo quanto riferisce La Stampa, sono stati i famigliari.

L’anziano non ha lasciato biglietti, ma quel suo pensiero fisso, più volte esternato ad amici e parenti, sembra la causa del suo gesto estremo. Il rottweiler era tenuto con tutti i riguardi e l’anziano lo liberava solo quando nel cortile della villetta di famiglia, a Cinzano di Santa Vittoria d’Alba, non c’era nessuno. Quel giorno, però, tutte le attenzioni del caso non sono bastate ad evitare che la nipotina uscisse in cortile all’insaputa dei nonni.

Un attimo di distrazione e il cane ha azzannato la piccola alla testa. Poi la corsa in ospedale, prima ad Alba e poi ad Alessandria, dove è stata sottoposta a intervento chirurgico. Quindi il ritorno a casa, in condizioni buone, con la certezza che quell’incidente non avrebbe lasciato segni indelebili sulla piccola. Anche questo, però, non ha lenito il rimorso del nonno, che ieri si è tolto la vita.

di Giancarlo Nicoli

Fonte: Leggo

Una bambina di cinque anni è rimasta praticamente sfigurata a causa di un attacco da parte di un cane, il suo cane, un american bulldog, nella sua casa di Northampton. La bambina, Tanisha Hall, è ora in ospedale insieme al suo patrigno, che ha provato a difendere la piccola dall’assalto dell’animale ma è stato ferito a sua volta. I due, stando a quanto detto dalla polizia locale, non sarebbero in pericolo di vita, ma la bambina avrebbe diverse ferite, profonde, al viso. E’ il secondo caso in poche settimane di un attacco di un american bulldog ad un bambino: questo secondo episodio sta facendo discutere in Gran Bretagna, poiché la razza non fa parte della lista dei cani considerati pericolosi per l’uomo.

di Giancarlo Nicoli

Fonte: TgCom

Vigevano, il piccolo era con i nonni

Un bambino di appena 13 mesi, di Vigevano (Pavia), è stato ricoverato in gravi condizioni al Policlinico San Matteo di Pavia dopo essere stato azzannato dal cane dei nonni paterni. L’incidente è avvenuto nel giardino della loro villa, nel centro della città. Sembra che il bimbo si trovasse in braccio alla nonna la quale, dopo aver sentito squillare il telefono, è rientrata dentro casa, mettendo giù il nipotino.

Il cane, un dogo argentino, ha aggredito il piccolo all’improvviso: inizialmente è saltato addosso al bambino, pare con il solo intento di giocare, ma il piccolo non ha retto il peso dell’animale ed è finito a terra, battendo la nuca con violenza. Il pianto del bimbo avrebbe poi scatenato la reazione del dogo, che lo ha azzannato al volto.

Soccorso dai volontari della Croce rossa di Vigevano, il bambino è stato trasportato al pronto soccorso di Vigevano per poi essere trasferito a Pavia. Secondo i medici, il piccolo non sarebbe in pericolo di vita. La polizia ha avviato gli accertamenti.

04/06/2010

Next Page →

%d bloggers like this: