web analytics
Pubblicità

di Giancarlo Nicoli

In questo post racconto lo svolgersi della ricerca di broker on line che permettono l’acquisto di azioni brasiliane alla borsa di San Paolo.

Tutti i link sono aggiornati alla data di pubblicazione del post: 13 settembre 2011.

La prima ricerca (su Google) è: comprare azioni Brasile. Combinazione, i primi due risultati rimandano a questo sito — ma gli articoli in questione non riguardano la ricerca di intermediari on line.

La ricerca non porta a nulla: ho visualizzato i primi 30 risultati, c’è qualcosa a proposito di ETF che investono in azioni brasiliane. Ma nulla che riguardi un acquisto diretto di azioni mediante broker on line.

Provo a cambiare chiave di ricerca e metto: comprare azioni online.

Fino a questo momento non c’è verso di acquistare direttamente dall’Italia singole azioni brasiliane. Sono disponibile a correggere il post, casomai qualcuno avesse informazioni nuove, attualmente non disponibili.

A questo punto della ricerca si aprono due strade:

1) Acquistare un fondo (un ETF), quotato a Milano, che investa in azioni Brasiliane.  In questo momento sono disponibili (Fonte: Borsa Italiana):

  • Amundi Etf Msci Brazil
  • Cs Etf (Ie) On Msci Brazil
  • Db X-Trackers Msci Brazil Trn Index Etf
  • Ishares Msci Brazil

2) Altrimenti si va sulla Borsa statunitense e si acquistano lì i singoli titoli. Con questa seconda possibilità abbiamo due incovenienti: uno è che la scelta è limitata – seppure ai titoli principali – due è che si va incontro a una doppia tassazione dei dividendi, perché c’è una prima trattenuta negli USA e poi c’è la trattenuta italiana.

Ho trovato un articolo (in inglese) che tratta delle azioni brasiliane quotate a New York:  Lista completa degli ADR brasiliani a New York. L’articolo non è aggiornato, se andate a guardare i commenti trovate che alcune azioni non hanno più la doppia quotazione e altre al contrario si sono aggiunte.

Spero di esservi stato utile!

 

Post di Giancarlo Nicoli, Appiano Gentile, CO.

I link eventualmente presenti sono stati verificati e risultano funzionanti al momento della pubblicazione del presente articolo: 14 giugno 2011.

Il presente articolo è stato scritto da Giancarlo Nicoli. Le informazioni qui contenute sono state ricavate da fonti, che Giancarlo Nicoli ha ritenuto affidabili. L’accuratezza e la completezza delle stesse non può essere in nessun modo garantita. La presente pubblicazione viene pubblicata per meri fini di informazione ed illustrazione, non costituendo peraltro la stessa in alcun modo una proposta di conclusione di contratto o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di qualsiasi strumento finanziario. Il documento può essere riprodotto nella sua interezza. A tal proposito si chiede la cortesia di citare la fonte: www.scoprire.biz. La presente pubblicazione non si propone di sostituire il giudizio personale dei soggetti a cui si rivolge. Giancarlo Nicoli ha la facoltà di agire in base a/ovvero di servirsi di qualsiasi materiale sopra esposto e/o di qualsiasi informazione a cui tale materiale si ispira prima che lo stesso venga pubblicato e messo a disposizione dei lettori.
Giancarlo Nicoli può occasionalmente assumere posizioni lunghe o corte nei summenzionati prodotti finanziari.

di Giancarlo Nicoli

Graph represents 'ahrahr' (which is me) CAPS performance as on Fool.com

ahrahr (99.30)

ahrahr lost to the market on Friday

Rank: 510 out of 72262

Nothing written below can be construed as an invitation to invest in the detailed securities. Do your own DD.

My opinions FWIW for 2011:

#1 – I think we are in a secular bear market. The secular bear market theory is quite a long subject. You can find more
– here: http://www.amazon.com/gp/product/0471716928?ie=UTF8&t……
– and here: http://www.johnmauldin.com/ (search for “secular bear market”)

#2 – I think we are in a deflationary environment;

#3 – I think it is foolish to try to time the market;

#4 – I think money can be made in the stockmarket nonetheless via some stock picking.

My investment themes:

– I choose reliable, boring, high yield stocks. Study after study shows this is the best way to consistently beat the market.
I own CWH, E, ENEL.MI (Milan stock exchange); ENP, NLY, NRF-B, STON. Also SGI.L (London Stock Exchange) which pays a decent dividend and it is a good growth story for the patient investor.

– I’m a community pharmacist and I think (I’m not being modest here: I hope you understand) I have an edge with biotech/medtech.
I own DNDN (plenty – just a bit less than half my portfolio), SGMO, STXS.

– I own VHC due to the fact that Ming the Merciless (of IV fame) alerted me on that name (!).

With regard to the Maslow hierarchy of needs, so to speak, I think healthcare is just at the top of needs/expectations of all the people.

Now some short commentary. It’s all MHO an YMMV obviously.

– DNDN is by far my favourite stock. Company is doing well. Market for their FDA-approved treatment is large.
They have a huge barrier to entry. No generic competition in sight even after patent expiration. Production process is secret. Competition would have to steal secret or spend years trying to find out how acually Provenge is made. Also, a generic would have to undergo a PIII trial, which in my opinion is unethical.
DNDN process to obtain Provenge is scalable. They have a pipeline with treatments that target several others cancers. DNDN is the history of medicine being made under our eyes.
Market can (and certainly will) go down, so DNDN will. So what? Investment horizon here is not just a couple of years (as I say below) but much more. DNDN is and will be a winner.
They are a five bagger from current stock price over a couple of years in my opinion if the Company executes.

– Next is STXS. They have a magnetic field inducing machine that can safely guide and steer magnetically tipped catheters inside the blood vessels. They have strong IP and strong physicians endorsement. (They should change the BOD really, Company has been poorly guided through a couple of butched share offerings).
Technology is excellent and proven, market is large and expanding, it’s a three bagger within just 2011 if management does well and it’s a five bagger anytime in case they are going to be bought out. Why is a buyout likely? Because there are at least three catheter producers (it’ a 70%+ margin business): JNJ, STJ, Biotronik; and medtech equipment producers: MDT, GE – the one that owns the platform shuts out all the others from the market overnight.
STXS used to be my second largest holding, but it is now the third because…

– I bought SGMO in the low 3s and I’m already sitting on a two bagger.
SGMO holds the Holy Grail wrt DNA manipulation. They can delete, insert, exchange a gene at will, quickly and with accuracy.
Their technology is proven and they are receiving royalties (not many dollars yet) from Sigma Aldrich (Genetic Modified lab rats and mice) and Dow Agro (GM seeds).
They possibly have at hand a cure against HIV/AIDS (Google: “Berlin Patient”).
That alone would be very big.
Applications of their technology are enormous.
SGMO market cap as of friday’s close is $300M. What if HIV/AIDS treatment works? A ten bagger? Naaah! More than that imo obviously.
Those that can handle it might want to check the SGMO board on IV and look for the adenylyl series: How To Cure AIDS.
A link is here:
http://www.investorvillage.com/smbd.asp?mb=1933&mn=21……

– I own VHC because they won the lawsuit against MSFT and because plotinus and ming are here (chech the IV board for plotinus4me and Ming the Merciless). That’ all my dd on that name, since it is well beyond my expertise.

– One last word wrt BMTI, first suggested to me by plotinus. I’m still doing my dd, but at first glance they possibily are much more than a two bagger over the next five years. I think it is wise not to expect a sharp price appreciation over the short term on this name. You never know how a biotech investment is going to play out within a few months. But it is my opinion that this company has legs and it is going to appreciate consistently over the next several years. I will be a buyer with “new” money, either diversification out of a five bagger from current bio-med-tech positions or from savings over the coming months.

Good luck to all and all have this brand new 2011 as a good, happy, safe and prosperous year!


Disclosure. I’m long many of the stocks described above.

This post is not intended to be investment advice of any kind. YMMV. Do your own DD.

Again, this is NOT investment advice.

This is NOT analysis, which is something six-figure equity research types do as full-time jobs for brokerage firms.

This is blogging. I just do like to share ideas.

And, past performance is not indicative of future results.

Post di Giancarlo Nicoli, Appiano Gentile, CO.
Il presente articolo è stato scritto da Giancarlo Nicoli. Le informazioni qui contenute sono state ricavate da fonti, che Giancarlo Nicoli ha ritenuto affidabili. L’accuratezza e la completezza delle stesse non può essere in nessun modo garantita. La presente pubblicazione viene pubblicata per meri fini di informazione ed illustrazione, non costituendo peraltro la stessa in alcun modo una proposta di conclusione di contratto o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di qualsiasi strumento finanziario. Il documento può essere riprodotto nella sua interezza. A tal proposito si chiede la cortesia di citare la fonte: www.scoprire.biz. La presente pubblicazione non si propone di sostituire il giudizio personale dei soggetti a cui si rivolge. Giancarlo Nicoli ha la facoltà di agire in base a/ovvero di servirsi di qualsiasi materiale sopra esposto e/o di qualsiasi informazione a cui tale materiale si ispira prima che lo stesso venga pubblicato e messo a disposizione dei lettori.
Giancarlo Nicoli può occasionalmente assumere posizioni lunghe o corte nei summenzionati prodotti finanziari.
I link eventualmente presenti sono stati verificati e risultano funzionanti al momento della pubblicazione del presente articolo.

di Giancarlo Nicoli

Avevo lasciato un commento sul blog di Vivere in Brasile:

Ho una curiosità, spero mi potrà rispondere (ho cercato in lungo e in largo senza trovare risposta prima di chiedere a lei).
Sto valutando di comprare azioni brasiliane alla borsa di San Paolo.
Per esempio mi potrebbero interessare azioni della Tele Norte Leste.
Esistono diversi ticker, evidentemente corrispondenti a diverse classi di azioni: TNLP3, TNLP4, TMAR3, TMAR5, TMAR6 (vedasi qui: http://www.mzweb.com.br/oi/web/conteudo_pt.asp?idioma=0&conta=28&tipo=28025).
Quel che non riesco a capire è che differenza c’è tra le varie classi e qual è che corrisponde a una azione ordinaria italiana.
Grazie anticipatamente se vorrà rispondere.
Cordiali saluti.

La risposta (che – penso – pur se interpreta la domanda come se fosse stata posta da un italiano che vuole operare in Brasile dal Brasile, è ugualmente interessante a mio parere) è la seguente:

Ciao Giancarlo

ho appena scoperto e pubblicato il tuo commento.

Ho visto che hai un sito molto interessante sul quale hai pubblicato due articoli di borsa sul Brasile.
Mi sembra di aver capito che intendi acquistare azioni di Aziende brasiliane quotate alla Borsa di Sao Paulo.
Io non ho mai comprato direttamente le azioni ma piuttosto fondi azionari legati ad un pacchetto di imprese . I fondi li compri direttamente in Banca , ogni banca brasiliana ne ha una offerta completa (Santander, Bradesco, HSBC, ITAU’, ecc ).
Per acquistare direttamente le azioni ogni banca è associata ad un broker . Devi registrarti con quel broker (è necessario avere un conto bancario in Brasile) dopodichè puoi operare direttamente via internet .

Tutto ciò presuppone che tu abbia un visto permanente senza il quale non puoi aprire un conto e quindi non puoi fare assolutamente nulla.
Questo spiega perchè l’investimento elettivo per gli stranieri in Brasile è quello immobiliare. Per quello infatti basta il solo passaporto ed il CPF (Codice Fiscale Brasliano) che si ottiene senza problemi.

Cordiali saluti


Post di Giancarlo Nicoli, Appiano Gentile, CO.
Il presente articolo è stato scritto da Giancarlo Nicoli. Le informazioni qui contenute sono state ricavate da fonti, che Giancarlo Nicoli ha ritenuto affidabili. L’accuratezza e la completezza delle stesse non può essere in nessun modo garantita. La presente pubblicazione viene pubblicata per meri fini di informazione ed illustrazione, non costituendo peraltro la stessa in alcun modo una proposta di conclusione di contratto o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di qualsiasi strumento finanziario. Il documento può essere riprodotto nella sua interezza. A tal proposito si chiede la cortesia di citare la fonte: www.scoprire.biz. La presente pubblicazione non si propone di sostituire il giudizio personale dei soggetti a cui si rivolge. Giancarlo Nicoli ha la facoltà di agire in base a/ovvero di servirsi di qualsiasi materiale sopra esposto e/o di qualsiasi informazione a cui tale materiale si ispira prima che lo stesso venga pubblicato e messo a disposizione dei lettori.
Giancarlo Nicoli può occasionalmente assumere posizioni lunghe o corte nei summenzionati prodotti finanziari.
I link eventualmente presenti sono stati verificati e risultano funzionanti al momento della pubblicazione del presente articolo.

di Giancarlo Nicoli

I post dedicati al Brasile sono ordinati in questa categoria.

Appiano Gentile – Domenica 18 dicembre 2010 – Sempre per caso ho trovato il filtro (stock screener in inglese) sul sito del Financial Times. È possibile impostare parametri di ricerca a proposito di mercati azionari di numerose nazioni. Tra queste, anche il Brasile.

Ho provato a impostare il filtro con sole due condizioni: a – Regional Focus: Brazil; b – Dividend Yield a partire dal 7%. I risultati, a oggi, comprendono 32 titoli.

Scarto i primi risultati, perché hanno rapporti molto elevati. Un titolo, che mi sembra interessante a prima vista, è Companhia De Eletricidade Do Estado Da Bahia. Secondo il sito FT si tratta di una azione che rende – agli attuali corsi di borsa – il 12.05%. Voglio però controllare che il dato del sito sia corretto.

Provo a cercare tramite Google: Companhia De Eletricidade Do Estado Da Bahia. È il primo risultato: http://www.coelba.com.br/. Ci clicco sopra e carico la prima pagina. Nella colonna di sinistra clicco su “Relações com Investidores”. Si è rediretti su un altro sito! Il sito è quello di Neoenergia, cioè la holding. I dati di bilancio si riferiscono alla holding. Sono ancora al punto di partenza.

Cerco allora COELBA sul sito della Borsa di San Paolo. Il codice (ticker) è CEEB3. Questa pagina contiene l’elenco dei pagamenti di dividendi e interessi sul capitale.

Corso di Borsa in Reais (venerdì scorso): $36,10
Dividendi anno mobile: $3,90
Percentuale dividendo (lordo): 10,8%

Per oggi è tutto!


Post di Giancarlo Nicoli, Appiano Gentile, CO.
Il presente articolo è stato scritto da Giancarlo Nicoli. Le informazioni qui contenute sono state ricavate da fonti, che Giancarlo Nicoli ha ritenuto affidabili. L’accuratezza e la completezza delle stesse non può essere in nessun modo garantita. La presente pubblicazione viene pubblicata per meri fini di informazione ed illustrazione, non costituendo peraltro la stessa in alcun modo una proposta di conclusione di contratto o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di qualsiasi strumento finanziario. Il documento può essere riprodotto nella sua interezza. A tal proposito si chiede la cortesia di citare la fonte: www.scoprire.biz. La presente pubblicazione non si propone di sostituire il giudizio personale dei soggetti a cui si rivolge. Giancarlo Nicoli ha la facoltà di agire in base a/ovvero di servirsi di qualsiasi materiale sopra esposto e/o di qualsiasi informazione a cui tale materiale si ispira prima che lo stesso venga pubblicato e messo a disposizione dei lettori.
Giancarlo Nicoli può occasionalmente assumere posizioni lunghe o corte nei summenzionati prodotti finanziari.
I link eventualmente presenti sono stati verificati e risultano funzionanti al momento della pubblicazione del presente articolo.

di Giancarlo Nicoli

Te lo do io il Brasile era un varietà televisivo del giovedì sera, ideato e condotto da Beppe Grillo.

Ho pensato di usare tale titolo per identificare questo post, ed eventuali prossimi, dedicati al Paese sudamericano.

Mi pare che ci sia un certo interesse nei confronti di questa nazione in via di sviluppo.

Sono alla ricerca di siti che possano indicare qualche idea d’investimento azionario. L’ideale, tenendo conto del mio temperamento d’investitore, sarebbe trovare descrizione di qualche azienda quotata in Borsa che paghi un buon dividendo.

È da qualche giorno che passo i ritagli di tempo per navigare via Internet alla ricerca di siti dedicati all’argomento, però non ho trovato un granché. Ho pensato di descrivere gli sforzi e di condividere il risultato della ricerca: sai mai che a qualcuno, che dovesse capitare qui, potrei risultare utile.

Il blog Mercato Libero – scoperto per caso e che seguo ormai da qualche mese – consiglia investimenti immobiliari in una località chiamata Porto Seguro. Sempre tramite Mercato Libero ho scoperto il blog, Vivere in Brasile, di un italiano che si è trasferito là da qualche anno. Se cerco informazioni su come investire nel Paese, prima o poi mi imbatto in post che consigliano investimenti immobiliari. Le informazioni riguardanti il mercato azionario sono poche.

Se cerco con Google “azioni Brasile“, uno dei siti che trovo in prima pagina è RadioBrasile, un altro blog. Si parla poco di mercato azionario, anche qui sono suggeriti investimenti immobiliari.

Ciò che cerco è un sito che mi dia informazioni a proposito di azioni brasiliane, quotate in Borsa, che abbiano un buon rapporto tra prezzo e dividendo.

Cerco Borsa Brasile e finalmente trovo il sito della Borsa di San Paolo. Ho una linea veloce, ma il sito si carica un po’ lentamente, la navigazione del sito è interminabile e frustrante.

Segnalo anche questo sito, trovato per caso, che potrebbe essere interessante. Non ho ancora avuto il tempo di esplorarlo. Mi è sembrato che potrebbe essere utile per cercare idee d’investimento e per questo l’ho messo nei segnalibri.

Per il momento è tutto. Continuerò la ricerca nei prossimi giorni.

Post di Giancarlo Nicoli, Appiano Gentile, CO.
Il presente articolo è stato scritto da Giancarlo Nicoli. Le informazioni qui contenute sono state ricavate da fonti, che Giancarlo Nicoli ha ritenuto affidabili. L’accuratezza e la completezza delle stesse non può essere in nessun modo garantita. La presente pubblicazione viene pubblicata per meri fini di informazione ed illustrazione, non costituendo peraltro la stessa in alcun modo una proposta di conclusione di contratto o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di qualsiasi strumento finanziario. Il documento può essere riprodotto nella sua interezza. A tal proposito si chiede la cortesia di citare la fonte: www.scoprire.biz. La presente pubblicazione non si propone di sostituire il giudizio personale dei soggetti a cui si rivolge. Giancarlo Nicoli ha la facoltà di agire in base a/ovvero di servirsi di qualsiasi materiale sopra esposto e/o di qualsiasi informazione a cui tale materiale si ispira prima che lo stesso venga pubblicato e messo a disposizione dei lettori.
Giancarlo Nicoli può occasionalmente assumere posizioni lunghe o corte nei summenzionati prodotti finanziari.
I link eventualmente presenti sono stati verificati e risultano funzionanti al momento della pubblicazione del presente articolo.

di Giancarlo Nicoli

Scrivevo nel precedente post che seguo la newsletter di John Mauldin perché trovo spunti interessanti. Nell’ultima newsletter, nelle conclusioni, Mauldin fa riferimento a un articolo di Michael Lewis, apparso sull’ultimo numero di Vanity Fair. È in inglese ovviamente. Non ho tempo di tradurlo, spero che conosciate la lingua.

Posso darvi alcuni numeri, presi dall’articolo in questione. Il debito totale greco è di milleduecento miliardi di dollari (1,2 trilioni), dato dalla somma di 400 miliardi di debito del governo e 800 miliardi di pensioni. Fanno circa 250.000 dollari per ciascun greco in età da lavoro.

In media, il dipendente pubblico guadagna tre volte tanto il dipendente privato. Le ferrovie dello Stato hanno un fatturato di 100 milioni di euro, gli stipendi dei dipendenti ammontano a 400 milioni, tutte le altre spese incidono per 300 milioni. Il ferroviere medio, in Grecia, guadagna 65.000 euro l’anno.

Nessun greco è mai stato punito per aver evaso le tasse.

Due terzi dei medici greci dichiara guadagni inferiori a 12.000 euro l’anno (che è il limite sotto il quale il reddito non viene tassato).

di Giancarlo Nicoli

Nel grafico: il punteggio di 'ahrahr' (che sarebbe poi il sottoscritto) nel sito Fool.com

Sono un avido lettore della newsletter (gratuita) di John Mauldin. La seguo perché la trovo interessante: l’autore condensa, in una lettera settimanale, ciò che ha letto nei giorni precedenti, racconta ciò che lo ha colpito, che potrebbe rivelarsi utile nelle decisioni riguardanti la gestione del proprio patrimonio. È da notare che egli mai dà consigli all’acquisto o alla vendita su singoli titoli.

Questa settimana il Mauldin non è riuscito a scrivere la consueta lettera. Ha chiesto al suo amico, il Dr. Gary Shilling, di poter pubblicare una versione condensata della sua (di Shilling) lettera di settembre (l’abbonamento per un anno alle lettere del Dr.Gary Shilling è in offerta alla modica cifra di 275 dollari).

Intitolata, in originale, “The Chances of a Double Dip”, la traduco con “Le probabilità di un doppio tuffo”. In altre parole, quante probabilità abbiamo di cadere nuovamente in recessione, a poca distanza da quella dalla quale siamo appena riemersi. Nella versione pdf, la lettera occupa circa 15 pagine (ci sono parecchi grafici).

Dopo una lunga e accurata analisi della situazione economica statunitense attuale, ecco – a pagina 12 per chi legge il pdf – la frase chiave: «We’re on record for a 50% or higher probability of a second dip or another recession, whatever it would be called.» «È agli atti la nostra opinione: pensiamo che ci sia una probabilità del 50% o più alta di avere una seconda caduta nella recessione, o di avere una nuova recessione, comunque la si voglia chiamare.»

Trovo tale frase un capolavoro di ambiguità. Se nei prossimi mesi ci sarà una nuova recessione (o come la vogliamo chiamare) egli potrà dire di averla prevista. Se invece, sempre nei prossimi mesi, non ci sarà alcuna nuova recessione, egli potrà dire di aver previsto la circostanza. Il 50% di probabilità (o un po di più. Ma quanto di più?) di una nuova recessione! Ha! Forse sì, ma forse no. Così sono capace anch’io.


Di Giancarlo Nicoli, Appiano Gentile, CO
Il presente articolo è stato scritto da Giancarlo Nicoli. Le informazioni qui contenute sono state ricavate da fonti, che Giancarlo Nicoli ha ritenuto affidabili. L’accuratezza e la completezza delle stesse non può essere in nessun modo garantita. La presente pubblicazione viene a pubblicata per meri fini di informazione ed illustrazione, non costituendo peraltro la stessa in alcun modo una proposta di conclusione di contratto o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di qualsiasi strumento finanziario. Il documento può essere riprodotto nella sua interezza. A tal proposito si chiede la cortesia di citare la fonte: www.scoprire.biz. La presente pubblicazione non si propone di sostituire il giudizio personale dei soggetti a cui si rivolge. Giancarlo Nicoli ha la facoltà di agire in base a/ovvero di servirsi di qualsiasi materiale sopra esposto e/o di qualsiasi informazione a cui tale materiale si ispira prima che lo stesso venga pubblicato e messo a disposizione dei lettori.
Giancarlo Nicoli può occasionalmente assumere posizioni lunghe o corte nei summenzionati prodotti finanziari.
I link eventualmente presenti sono stati verificati e risultano funzionanti al momento della pubblicazione del presente articolo.

Next Page →

%d bloggers like this: