web analytics
Pubblicità

di Giancarlo Nicoli

Fonte: GdS.

di ANTONELLA RIZZUTO PALERMO. È allarme aggressioni nella zona di via Messina Marine. Un gruppo di cani randagi, da mesi, incute terrore nella zona della scuola Sacco e Vanzetti.

(…)

Non è la prima volta che in città si verificano episodi di questo tipo ma anche ben più gravi con persone che vanno a finire in ospedale a causa di gravi ferite da morsi. Dal centro alla periferia, dal capoluogo siciliano alle diverse provincie dell’isola, è allarme randagismo un po’ ovunque. Il canile palermitano, da anni, è al collasso e l’emergenza si accresce di giorno in giorno. Intanto, altri 64 cani hanno lasciato la struttura di via Tiro a Segno. Sono stati trasferiti in un canile tra Modena e Bologna, patrocinato dell’Enpa (ente nazionale protezione animali), che ha vinto la gara d’appalto di 160 mila euro bandita dal Comune. La struttura del Nord, nel frattempo, si sta già muovendo con le adozioni così da ridurre le numerose spese che l’amministrazione palermitana deve affrontare per sostenere i cani a distanza.

L’articolo completo è qui:
http://www.gds.it/gds/edizioni-locali/palermo/dettaglio/articolo/gdsid/307976/

 

≈ ∞ § ≈ ∞ § ≈ ∞ § ≈ ∞ §

A partire dal post del 22 gennaio ho iniziato a tenere il conto delle aggressioni.

Bambini e minori:  feriti: 19; morti: 1

Adulti: feriti: 26; morti: 3

Totale: feriti: 45; morti: 4

Si prega di notare che il conto non è esaustivo – anzi è largamente inferiore al numero reale dei casi nazionali – in quanto semplicemente desunto da notizie trovate via Internet. Come potete vedere da questo articolo, la mia indagine sottostima largamente l’entità delle aggressioni di cani all’uomo e agli animali.

Comments

Comments are closed.

%d bloggers like this: