web analytics
Pubblicità

di Giancarlo Nicoli

Che l’attività fisica regolare sia un toccasana per l’organismo, e in particolare per il sistema circolatorio, è ormai ampiamente provato. Tuttavia rimangono ancora alcuni dubbi: è più utile ad esempio il classico jogging o è sufficiente una camminata a passo spedito per favorire il mantenimento del peso corporeo e una buona risposta cardiovascolare? Dipende dagli obiettivi, potrebbe essere la risposta. Per chi punta a calare di peso o comunque a mantenersi in forma sicuramente la corsa è l’ideale, come dimostra uno studio pubblicato su Medicine & Science in Sports & Exercise, che ha preso in esame le informazioni su 15000 camminatori e 32000 corridori, osservati per sei anni. La corsa esce vincitrice da questa valutazione, anche perché consente di consumare un maggior quantitativo calorico e soprattutto mantiene elevato il metabolismo corporeo per un periodo più lungo dopo la fine dell’esercizio. Come se non bastasse, la corsa potrebbe avere un’attività anche sul fronte dell’introito calorico. Come? Riducendo l’appetito. A dirlo è una ricerca apparsa su Journal of Obesity, che ha confrontato podiste e semplici camminatrici. Tutte le donne, indipendentemente dalla loro attività fisica, sono state invitate a mangiare ad un ricco buffet dopo un’ora di attività fisica sul tapis roulant. Le podiste, poste di fronte a questa libera scelta, assumevano 200 calorie in meno rispetto a quelle consumate con l’esercizio, mentre le camminatrici ne assumevano circa 50 in più. Attenzione però: se l’obiettivo è il controllo o il calo del peso vince la corsa, ma se si punta a proteggere il cuore, la passeggiata veloce è la strategia migliore!

Fonte:

  • Inserto TuttoScienze e Tecnologia de La Stampa del 19 giugno 2013, pagina 6

Comments

Comments are closed.

%d bloggers like this: