web analytics
Pubblicità

di Giancarlo Nicoli

La salute passa attraverso il movimento fisico quotidiano. Un principio che si dovrebbe tenere più a mente in Italia, dove quattro abitanti su dieci sono inattivi. Basta una passeggiata sostenuta per stare bene, e proprio su questo principio si basa il progetto “Città per camminare”. Ideato da Coni e Federazione dei medici sportivi, medici di famiglia (Simg), oncologi (Aiom), Federanziani e Scuola del cammino, si tratta di una rete urbana ed extraurbana di 32 percorsi a piedi su tutto il territorio nazionale, abbinato ad un’apposita guida illustrata.

Secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità, trenta minuti di camminata sostenuta al giorno, pari a tre chilometri di tragitto, aiutano a prevenire diverse malattie croniche. Cinquemila passi, insomma, che aiutano a stare bene, a qualunque età e in qualunque momento della vita si decida di cominciare.

Le conferme dei benefici si rilevano a livello internazionale. Un’attività fisica personalizzata e continuativa fa calare del 40% il rischio di disturbi cardiaci e del 27% l’infarto. Benefici anche nel contrastare il diabete, riducendone l’incidenza del 50%, fino ad arrivare in certi casi a essere un sostituto dell’antidiabetico orale. L’attività fisica, poi, dimezza l’incidenza di ipertensione, porta a diminuire del 60% il rischio di tumore al colon e di un terzo quello di sviluppare l’Alzheimer.

Fonte:

  • Salute di Repubblica, 20 novembre 2012, pag. 32 – 33.

Comments

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

%d bloggers like this: