web analytics
Pubblicità

di Giancarlo Nicoli

Fonte: La Repubblica.

L’assassinio di Giuseppe Alongi è avvenuto al termine di una festa familiare per un battesimo. Manette per Pietro Ferrito e per i due figli Giampiero e Rosario fratelli della convivente della vittima

Giuseppe Alongi, il trentasettenne ucciso ieri a Bagheria a coltellate dal cognato, è stato assassinato perché il suo cane ha abbaiato contro l’assassino. È l’agghiacciante retroscena emerso dalle indagini, condotte dal commissariato di Bagheria e coordinate dal pm Sergio Demontis.

L’articolo completo è qui.

Comments

Comments are closed.

%d bloggers like this: