web analytics
Pubblicità

di Giancarlo Nicoli

Gestisco tre siti con WordPress (WP):

Artifex è gestito con Register, Scoprire e Farmacia di Fenegrò sono con BlueHost.

Il 4 luglio 2011 è stato reso disponibile WordPress nella versione 3.2. Si sapeva da tempo – da quasi un anno – che i requisiti minimi per far girare la nuova versione di WP sarebbero cambiati. La versione 3.2 gira con PHP 5.2.4 e MySQL 5.0.

La transizione con i siti ospitati da BlueHost è stata immediata: appena resa disponibile la versione 3.2, ho potuto aggiornare WP sia su Scoprire che su Farmacia di Fenegrò. Le macchine e i software BlueHost erano pronti.

Con Register la musica è stata completamente diversa. Non ho potuto aggiornare WP. Ho chiesto spiegazioni all’assistenza, e a partire da questo momento ho avuto uno scambio di email, che non esito a definire surreale.

La mia prima email all’assistenza Register risale al 10 luglio 2011.

A proposito del dominio artifexlibris.com, è uscita la nuova versione di WordPress.

La pagina degli aggiornamenti di WordPress mi dice: “Non è possibile effettuare l’aggiornamento perché WordPress 3.2 richiede MySQL versione 5.0 o superiore. Si sta utilizzando la versione 4.1.23.”.

Sono andato a controllare e le vostre specifiche indicano che il server Linux viene fornito con il Mysql 5.0.77 .

Per me è un rompicapo: posso aggiornare oppure no? Per quale ragione WordPress mi dice che si sta usando la versione 4.1.23 se invece in uso è la 5.0.77?

Ci credereste? Non è possibile aggiornare in automatico la versione di  MySQL dalla 4.1 alla 5.0 in quanto la piattaforma MySQL 5.0 viene fornita su un server diverso dalla 4.1! L’utente deve provvedere da sé! Con tanto di istruzioni: eseguire un dump del database in uso (ti prendono anche in giro, mettono tra parentesi: “da fare con attenzione” – ma va?); rimuovere il database in versione 4.1 (perché con il normale piano di hosting, che permette di usare WP, Register ti dà un solo database — BlueHost ne offre 100 (cento!) con il pacchetto base, che costa a partire da 6,95 dollari al mese), crearne un altro – questo sarà creato su mysql 5, sarà necessario attivare anche un nuovo utente mysql.

Poi si deve procedere con il restore del dump del database su quello nuovo: tramite PHPMyAdmin va aggiornato il file del sito che contiene la stringa di connessione al database con i nuovi dati.

Tutto chiaro, no?

Non potevo non rispondere!

Buonasera,
mi guardo bene dal mettermi a trafficare con i database. Curo siti ma non sono un maghetto.

Non mi resta che aspettare che Register passi a piattaforme più aggiornate…

Grazie per quello che ha potuto fare.
Cordialità,
Giancarlo Nicoli

P.S: ho due siti con BlueHost, su entrambi uso WordPress e ho potuto aggiornare WP immediatamente dopo il rilascio della nuova versione.
Che in direzione a Register non si lamentino se perdono clienti.

Mi sembrava di sbattere contro un muro di gomma: mi rispondono informandomi che le piattaforme di Register.it sono già aggiornate, come indicato nella precedente risposta, solo che l’operazione di migrazione dalla macchina MySQL 4.1 alla macchina MySQL 5.0 non la fa Register ma la deve fare il cliente, seguendo la procedura precedentemente indicata.

Ma come glie lo dovevo spiegare che avevo paura a farla, questa migrazione? Perché BlueHost l’ha fatta senza problemi, di default vorrei dire, ti svegli la mattina e ti trovi il compito fatto senza nemmeno accorgerti, con Register devi arrangiarti? Ero disposto a pagare a parte purché me lo facessero loro:

Buongiorno,
due domande ancora:

1 – quindi, se non intervengo io, la versione di MySQL resterà PER SEMPRE la 4.1.23.?

2 – non sono in grado di intervenire sul database e su PHPMyAdmin, né intendo farlo. Potete farlo voi? Intendo dire, se il servizio non fa parte del mansionario e del pacchetto da me acquistato, sono disposto a pagare a parte (previo preventivo).

Grazie per l’attenzione.
Cordiali saluti,
Giancarlo Nicoli

Non c’è stato verso, neanche a pagare. Mi confermano che se non verrà effettuato il passaggio manuale, il database rimarrà attivo con la versione 4.1. Mi consigliano comunque di effettuare l’upgrade per motivi di sicurezza oltre che per poter aggiornare l’applicazione utilizzata. Mi dicono che il Supporto Tecnico non effettua questo tipo di operazioni, mi invitano a eventualmente contattare un webmaster per eseguire l’upgrade.

Mi sono arreso, ho fatto da me. Ho passato mezza giornata a fare un backup completo, ho salvato sul computer proprio tutto (beh, quasi tutto, come spiegherò poi..).

Mi sono messo di buzzo buono e ho eseguito il dump del database in uso – in italiano diventa che si scarica sul computer una copia del database. Ho cancellato il database in uso e ne ho creato un altro. Sorpresa! Il nuovo database non importa i dati di quello vecchio! Panico! Che cosa  fare? Voi maghetti del computer non prendetemi in giro, per cortesia. Sono certo che c’è una soluzione semplicissima. Solo che non la conosco. Io ho scelto WordPress perché è facile da usare. Di mestiere faccio il farmacista, che cosa ne so di database?

Mi sono sentito perduto.

Ho cancellato il nuovo database, che tanto non mi serviva. Ho installato da zero un nuovo WP. Poi ho ricopiato TUTTI i file dal computer al server. Il sito è tornato a vivere… con due ma:

  1. Ho perso le impostazioni del tema (stranamente sono rimasti intatti l’header e il footer – chissà perché), sono passate due settimane e nei ritagli di tempo sto ancora mettendo a posto le widget.
  2. Le immagini non sono più visibili, è successo qualcosa durante il ricarico dei file. Mi tocca aprire ogni post (ce ne sono 230 in tutto, ma quelli contenenti immagini sono di meno – grazie al cielo) e correggere manualmente il codice HTML relativo alle immagini.

È probabile che in futuro aprirò nuovi siti: ho dei progetti che mi piacerebbe realizzare, compatibilmente con gli impegni di lavoro e il benessere della mia famiglia. Userò BlueHost, non ci sono dubbi.

Siamo giunti al termine dell’articolo. Esso è stato scritto con sincerità e scrupolosità. Se – ora o in futuro – desideri creare un nuovo sito, o trasferirne uno esistente, con BlueHost, ti invito a servirti del link seguente: vai sul sito BlueHost!. Caro lettore, ti informo che ricevo una commissione per ogni conto aperto.

Comments

One Response to “Register, WordPress, il database e BlueHost.”

  1. Register, WordPress, il database e BlueHost. — Artifexlibris.com on July 26th, 2011 9:48 pm

    […] Il presente post è copiato pari pari dal sito “Scoprire“, che è mio ed è dedicato a quei miei interessi, che esulano dal mondo dell’ex libris […]

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

%d bloggers like this: