web analytics
Pubblicità

di Giancarlo Nicoli

Fendimetrazina, clorazepato, e fenilpropanomalina. Il giro di pillole dimagranti illegali avrebbe portato, secondo i Carabinieri, solo nel semestre tra giugno e dicembre del 2009, circa 800.000 euro nelle tasche di un endocrinologo romano, che prescriveva con la complicità di due farmacisti.

I Carabinieri hanno sequestrato gli studi del medico e i laboratori delle farmacie, mentre hanno eseguito quattro ordinanze, emesse dal Gip, per l’applicazione di misure interdittive della professione.

Secondo le ricostruzioni, i pazienti richiedevano telefonicamente o via fax le pasticche al medico che, senza effettuare alcuna visita medica, compilava le ricette. Attraverso le segretarie dello studio, i farmacisti complici ricevevano le ricette e fornivano i farmaci. Al paziente non restava che ricevere il prodotto direttamente a casa, pagando in contrassegno sia le pillole, sia la prestazione medica.

Fonte:

  • Il Messaggero, 13 ottobre 2010, p. 39.

Comments

Comments are closed.

%d bloggers like this: