web analytics
Pubblicità

di Giancarlo Nicoli

Uno dei post più letti di questo sito riguarda l’uso improprio del Tantum Rosa.

La notizia risale al gennaio di quest’anno, ma recentemente è stata rilanciata dai Centri Antiveleni di Milano e Pavia e ripresa da alcuni organi di informazione (per esempio qui), per via del fatto che l’uso improprio e le intossicazioni continuano.

Ricordo che il Tantum Rosa è una lavanda vaginale, è per uso esterno.

Da quando è iniziata la pubblicità televisiva, si registra un numero di casi molto superiore all’incidenza rilevata prima che la pubblicità andasse in onda (0.5 casi/mese).

Fin qui, i fatti.

Ora, a chi interessa, la mia opinione. È del tutto evidente che la pubblicità dei farmaci dovrebbe essere vietata. La pubblicità ottiene il suo scopo: far aumentare la vendita e l’uso dei prodotti pubblicizzati. Il farmaco non è un prodotto come gli altri, penso che sia evidente a tutti. Non c’è ragione di aumentare il consumo di farmaci se non ce n’è bisogno. La pubblicità serve alle aziende e non certo ai pazienti.

Comments

Comments are closed.

%d bloggers like this: