web analytics
Pubblicità

di Giancarlo Nicoli

Tutti gli estratti relativi al libro La casta bianca, pubblicati su Scoprire, sono qui. N.B.: Scoprire è un blog, quindi i post sono elencati in ordine cronologico inverso.

Per saperne di più a proposito delle nostre recensioni, cliccare qui.

Questo libro va valutato su due parametri: il valore letterario e quello (complessivo) dell’impegno civile e dell’utilità pratica per il lettore-cittadino.

Siamo di fronte a un libro scritto da una persona il cui mestiere non è quello dello scrittore, e si vede (mi dispiace dirlo). Da una persona che ha già scritto parecchi libri (è il terzo libro di Cornaglia Ferraris che leggo, ma lui ne ha scritti altri ancora) ma che in questo lavoro non organizza i contenuti né per priorità né per gruppi omogenei di argomenti. In altre parole, ogni capitolo è come un saggio a sé, indipendente, messo prima o dopo un altro saggio in modo quasi casuale.

Molto diversa è la valutazione dell’impegno civile e dell’utilità pratica: siamo di fronte a un’opera documentata, seria, utile.

Questo è un testo che tutti quanti dovrebbero leggere, non solo gli addetti ai lavori. Tutti quanti, nella nostra veste di cittadini contribuenti, siamo toccati dallo spreco di risorse nella sanità pubblica; e tutti quanti, cittadini che sono o che per forza di cose prima o poi saranno ammalati, siamo toccati dalle inefficienze, dal nepotismo, dalle truffe che ogni giorno vengono compiute letteralmente sui nostri corpi.

Il cittadino-contribuente informato è un cittadino che può (deve! – Va beh, dovrebbe) interessarsi alla politica in generale e alla politica sanitaria in particolare.

Il cittadino-paziente ha quanto meno la necessità di informarsi sul funzionamento della “macchina” sanitaria: in fin dei conti, è una questione di vita o di morte!

La parola-chiave, come spesso succede in libri di questo genere, è “informazione”. Per quanto la totalità (o quasi) delle vicende di mala sanità documentate nel libro siano state pubblicate sui giornali, in realtà il livello di attenzione dei mezzi di comunicazione in merito a tali vicende è piuttosto basso. Si dà la notizia, poi ci si volta dall’altra parte. Campagne di stampa destinate a lasciare il segno, cioè a far sentire il fiato dell’autorità pubblica sul collo dei corrotti, con gli scopi di espellere dalla sanità (pubblica e privata, per sempre!) tali individui e di scoraggiare comportamenti illeciti, queste campagne di stampa, dicevo, non ci sono.

Paolo Cornaglia Ferraris fa nomi e cognomi, cita circostanze, indica i modi attraverso cui vengono compiute le truffe e suggerisce rimedi. Nella fase storica che stiamo attraversando – tutto è permesso, tutto è concesso, il metodo mafioso è vincente nel crimine come nella politica – va sfruttata senza dubbio la possibilità di leggere un libro coraggioso come La casta bianca.

Cornaglia Ferraris, Paolo, La casta bianca. Viaggio nei mali della sanità, collana Ingrandimenti, I edizione, Milano, Mondadori, ottobre 2008, 233 p.

Comments

Comments are closed.

%d bloggers like this: