web analytics
Pubblicità

di Giancarlo Nicoli

Novità del 15 febbraio 2011: Telefonate indesiderate: un argine agli squilli pubblicitari.

Ricevo (spero di poter coniugare presto tale verbo al passato: ricevevo) una media di più di due telefonate al giorno, da parte specialmente di operatori di call-center. La maggioranza assoluta delle chiamate riguarda due gestori telefonici, Infostrada e Telecom Italia.

Immagino che anche voi abbiate ricevuto tali telefonate indesiderate: l’operatore si presenta (solo con il nome), chiede del titolare dell’attività o della persona responsabile delle scelte in materia di servizio telefonico, e cerca di vendervi servizi e prodotti (linee veloci Internet, segreterie telefoniche, tariffe particolari, instradamento automatico della linea verso altro operatore), con continui disturbi della vita privata o all’attività economica.

La mia linea di difesa era molto semplice quanto grezza: riattaccavo, semplicemente, appena capivo di che cosa si trattava. Pensavo che si sarebbero stancati! Ma non è stato così.

Poiché la tattica seguita non ha dato frutti, ne ho cercata una diversa.

La scorsa settimana ho visitato il sito del Garante per la protezione dei dati personali.

Come potete vedere (qui, qui…) i principali gestori telefonici, e società che operano in qualità di call center per conto degli stessi gestori, sono continuamente pane per i denti del Garante.

Ho scoperto che difendersi dalle telefonate indesiderate si può.

Tratto dal sito del Garante:

Dichiarazione di Giuseppe Fortunato, componente del Garante della privacy
In concomitanza con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del provvedimento del Garante per la privacy sui servizi telefonici non richiesti – con il quale si prescrivono ai gestori di telefonia e agli operatori di comunicazione elettronica una serie di misure a tutela dei cittadini – il relatore del provvedimento, Giuseppe Fortunato, suggerisce una sorta di pro-memoria che potrebbe essere utilizzato per rispondere a chi telefona a fini di promozione di servizi o di prodotti.

Questa la formula suggerita:
Le ricordo che Lei deve registrare la mia volontà di non ricevere altre comunicazioni promozionali, come stabilito dal Garante nel provvedimento pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 6 marzo 2006. Se la mia volontà non viene rispettata, il trattamento dei miei dati è illecito e comporta anche sanzioni penali ai sensi del Codice sulla privacy”.

“Come riaffermato nel provvedimento del Garante, i cittadini hanno il diritto di opporsi a che i loro dati vengano usati a fini di direct marketing, così come hanno il diritto di non ricevere più telefonate sgradite” – dichiara Fortunato. “Gli addetti ai call center, inoltre, hanno l’obbligo della massima trasparenza e di spiegare ai cittadini da dove sono stati estratti i dati personali che li riguardano.”
Roma, 8 marzo 2006

Oggi ho ricevuto la telefonata di una operatrice che chiamava per conto di Telecom Italia. Le ho recitato la formula, mi son sentito rispondere che devo chiamare il 191 e chiedere di non ricevere più telefonate indesiderate!

Ebbene, ho fatto anche questo ulteriore passo. Ho chiamato il 191, ho attraversato tutta la trafila (per fare questo, premere il tasto 1; per fare quest’altro, premere il tasto 2…) e ho finalmente chiesto a una operatrice di non essere disturbato. La risposta? «Il computer è bloccato, deve richiamare domani.»!

Domani mi toglierò lo sfizio e richiamerò (anche se è chiaro, da quanto scritto sopra, che si tratta di un di più, in quanto il call-center ha l’obbligo di registrare la mia volontà di non essere disturbato). Magari si inventano un’altra scusa, ve la racconto e ci ridiamo sopra.

Quello che è certo è che se Telecom Italia mi chiama ancora, presento denuncia al Garante.

Aggiornamento del 11 dicembre 2008. Questo post ha un seguito:
Telefonate indesiderate: rivolgersi al Garante della Privacy.

Comments

One Response to “Quando il telefono è un disturbo. Stop alle telefonate indesiderate”

  1. Telefonate indesiderate: rivolgersi al Garante della Privacy : Scoprire on December 11th, 2008 5:08 pm

    […] Questo post ha un precedente: Quando il telefono è un disturbo.  Stop alle telefonate indesiderate. […]

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.

%d bloggers like this: