web analytics
Pubblicità

di Giancarlo Nicoli

Tag CloudL’immagine è una cortesia di BotheredByBees.

Come avevo scritto in un precedente articolo, sono un “convertito” alle tag, perché per molto tempo le ho considerate una funzione inutile, se non addirittura controproducente. Solo di recente ne ho compreso l’utilità.

Sì, le tag sono molto comode. Ma vanno tenute sotto controllo! La mia impressione è che la loro facilità d’uso ne favorisca un abuso. Ripeto, è solo un’impressione, ma a me sembra che parecchi siti si siano lasciati prendere la mano e addirittura trabocchino di tag, in questo modo rendendo vano il loro uso.

Vorrei condividere con voi il semplice metodo da me usato per tenere sotto controllo la proliferazione delle tag.
È davvero semplicissimo: ho aperto un documento, intitolato “tag di wordpress”, e ho creato un collegamento diretto con un’icona sullo schermo. Tengo aggiornate, in ordine alfabetico, tutte le tag in uso.
Quando ho terminato di scrivere un articolo e sto per pubblicarlo, man mano che inserisco le tag, controllo se ne ho già una e – se ne devo aggiungere una nuova – se per caso ne ho già una che ci somiglia. In questo modo utilizzo quella già in uso ed evito inutili duplicazioni.
Se invece è il caso di aggiungerne una nuova, lo faccio, e la inserisco subito anche nel mio documento.
Il vantaggio è immediato: uso le tag in modo più disciplinato e ordinato. Ciò favorisce sia la navigazione dei lettori sia la mia organizzazione del sito.

Comments

Comments are closed.

%d bloggers like this: